Bioedilizia e mutui green_Bianchetti
Progettazione

Bioedilizia – settore in rapida crescita oggi sostenuto anche dai mutui green

Acquisto o costruzione della propria casa è sempre un momento delicato ed importante nella vita di un individuo e spesso ci si chiede come si possa trasformare questa scelta, dettata principalmente da una necessità, in un investimento a lungo termine.

Se nel settore dell’edilizia, dopo diversi anni in perdita, nel corso del 2016 si è vista una lieve ripresa, va anche detto che gran parte del fatturato è generata dal traino di ristrutturazioni e riqualificazioni, interventi favoriti da incentivi e detrazioni fiscali.

Quello che invece vede una costante e sempre più interessante crescita è il segmento della bioedilizia, sia residenziale, sia industriale e commerciale, che riscontra oggi un interesse orizzontale nel Bel Paese, non più solo nelle regioni del Nord ma anche nel Centro e nel Sud Italia. Un trend in realtà globale, che nei paesi emergenti (Cina, Brasile, ecc.) registra crescite che vedono moltiplicarsi il fatturato annuale fino a 5 volte rispetto a quello dell’anno precedente.

Il discorso è poi certamente interessante per chi in questo settore vuole investire. Fino a pochissimo tempo fa, pur essendo le case green soggette ai medesimi oneri urbanistici di quelle tradizionali, le banche non prevedevano mutui per chi intendeva costruire la propria abitazione ecologica, salvo ricorrere all’espediente dei mutui SAL (Stato Avanzamento Lavori) e addossarsi i rischi e i pericoli di un’ispezione in corso d’opera, con la conseguente possibilità di ritrovarsi con il finanziamento sospeso e un’ingente somma da restituire.

Oggi, grazie anche al crescente interesse verso la bioedilizia e il risparmio energetico, le banche hanno iniziato ad adeguarsi e concedere mutui anche per le case in legno o altri materiali ecosostenibili. Inoltre, nei casi di ristrutturazione e costruzione, attraverso i mutui green è anche possibile ottenere da parte dello Stato la restituzione del 55% del denaro investito.

Sebbene siano, da un lato, l’insorgere di urgenze di tipo ambientale, come terremoti, surriscaldamento globale ecc., e dall’altro lato, quello economico, risparmiare sui costi di gestione e sui consumi a lungo termine, le ragioni alla base di una scelta di casa biosostenibile, è sempre utile ricordare che questo tipo di edilizia consente vivibilità, comfort e sicurezza non paragonabili a quelli delle costruzioni in mattoni e cemento, a fronte di costi spesso inferiori e di un risultato estetico identico.

Lo ricordiamo perché, secondo gli esperti e i sondaggi, pare che sia proprio la mancanza d’informazione presso la committenza la ragione di questa lentezza nell’adozione da parte dell’Italia.

Scegliere di investire nelle case ecologiche permette di avere moltissimi benefici non riscontrabili nelle classiche costruzioni in calcestruzzo, fra questi:

  • prezzo certo
  • velocità di realizzazione
  • alta efficienza energetica
  • scarsa manutenzione
  • elevato potere antisismico e termoisolante
  • eccellente comfort abitativo

Per questo motivo, scegliere di abitare in una casa in bioedilizia potrà garantirti non solo un notevole risparmio in bolletta e sull’investimento complessivo, ma anche un benessere totale e duraturo.

Precedente Successivo

Leggi anche...

Nessun commento

Scrivi un commento